Eipass Web - Formazione AL.MÈ.

Associazione Nazionale Orientatori
Altro Metodo per l'Autonomia nello Studio
Associazione AL.MÈ. Catania
EiPass
CERTIFICAZIONI
COMPETENZE INFORMATICHE
Vai ai contenuti

Menu principale:

Certificazioni
Eipass web
Certificazione informatica
Eipass Web

Gestire una pagina web personale o aziendale è lo strumento migliore per farsi conoscere e promuovere se stessi, le proprie attività ed i propri servizi: ogni pagina, tramite testi, link, immagini, video e banner, può contenere innumerevoli informazioni.

La certificazione EIPASS Web certifica il possesso delle competenze necessarie per progettare, sviluppare e gestire siti internet, tramite WordPress, il CMS open source a licenza gratuita più diffuso al mondo.
È necessario, però, che siano organizzate in maniera organica e “comunicativa”; diversamente, è facile che l’Utente, piuttosto che indirizzato, sia confuso, distratto o disorientato: in casi del genere, la comunicazione non è efficace e lo strumento non raggiunge le sue finalità.

Progettare e gestire un sito web non è solo un’attività stimolante e produttiva: se approfondita e ragionata, può diventare un lavoro, tra i più moderni ed in evoluzione.
Ed è importante imparare ad utilizzare il computer in maniera produttiva fin dalla Scuola. Uno tra i temi al centro della consultazione pubblica La buonaScuola, promossa dalla Presidenza del Consiglio, è l’alfabetizzazione informatica degli studenti di tutte le classi.
Per le superiori, si prevedono già azioni mirate alla formazione degli studenti come “Digital Maker”, come operatori, cioè, che conoscono i rudimenti del coding e sanno come gestire un sito web.

Nella presentazione del documento governativo si legge:
La scuola ha il dovere di stimolare i ragazzi a capire il digitale oltre la superficie, a non limitarsi ad essere “consumatori digitali”, a non accontentarsi di utilizzare un sito web, una app, un videogioco, ma a progettarne uno. Ogni studente deve poter essere esposto a esperienze di creatività e acquisisca consapevolezza critica verso il digitale (es. imparare ad utilizzare gli open data per raccontare storie, gestire privacy e sicurezza in rete, utilizzare tecniche di stampa 3D). I docenti devono sentirsi pronti ad utilizzare queste esperienze ed integrarle nelle loro metodologie didattiche
Vai su www.altrometodo.it
Torna ai contenuti | Torna al menu